Piccoli maniaci crescono

Rigorosamente in ordine alfabetico ai bimbi della classe furono distribuiti i fogli di carta, e Tommy ricevette il suo.
Tommy s’incollò al banco appoggiandoci sopra i gomiti. Decise che avrebbe disegnato un dromedario perché anche lui aveva una gobba. Si stirò un po’ sulla sedia e dispose verticalmente la matita colorata sul foglio bianco; mentre disegnava le sue dita sfioravano il foglio, era deliziato, il suo dromedario era splendido e rimaneva tranquillo in mezzo al foglio senza scappare.
E poi all’improvviso succede.
Da dietro arrivarono due compagni: uno grosso tutta ciccia, e uno tutto impettito che puzzava; gli diedero un colpetto sulla gobba, gli strapparono il fogliodromedario e si misero a ridere.
Tommy vide i tanti piccoli pezzi di carta giacere sul pavimento e serrò con forza gli occhi, era come se un poco morisse.
Mr. Proserpina, l’insegnante di disegno, allora disse in modo che sentissero tutti:
– Nathan! Otto, ho osservato la vostra scenetta, che cosa avete da dire a proposito?
Nathan e Otto risposero con un ghigno e tutta la classe si mise a ridere.
Tommy urlò: – io prometto che – ma non riuscì a finire quello che stava per dire.

Dopo quel fatto, Tommy non disegnò più; usciva con Nathan e Otto e li scortava in corridoio rimanendo in silenzio. Tutti i giorni si lasciava toccare la gobba e, poi, restava seduto sotto un albero e aspettava che i bimbi dal cortile gli facessero cenno, e allora anche lui ghignava e piccole gocce di bava uscivano dagli angoli della sua bocca.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...