Stacco

lei si è uccisa, tu l’hai amata.
qualche volta,
pensi ancora a lei. questo è tutto,

a te, a lei, non puoi più guardare,

appeso alla corda della pazzia,
non ce la fai a saltare dallo sgabello,

riprendi il tuo lavoro, assicura la tua pensione.

la sirena squillò. Ugo chiuse il quaderno e
saltò giù dal muretto.
sistemò le maniche del suo grembiule bianco
macchiato di sangue,
e si mise in fila

come tanti altri.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...