Scolo d’amore

l’amore,
gli era
entrato nelle vene
come un insetto
trascinato
dal mulinello d’acqua

sotto la pioggia
stanca
del mattino

tic tic tic

una zanzara
cozzava
contro una
lampadina,

neve
calda
sopra ghiacciai morti.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...