Susanna

Susanna strisciava nella sterpaglia, i gomiti e le ginocchia a terra, sulle foglie d’autunno nel bosco vicino alla casa della nonna – vado a fare una passeggiata nel bosco – aveva gridato infilandosi la mantellina gialla che aveva ricevuto per il suo compleanno. – Non fare tardi – le aveva risposto la nonna dalla cucina – la torta di mele è pronta.
– Ritorno subito!
E subito Susanna era uscita dalla porta che si apriva nel giardino. Aveva attraversato l’orticello, con un balzo aveva saltato il piccolo fossato. Era salita su per la collina ed era entrata nel bosco. Gli stivali rossi apparivano e sparivano sotto la mantellina e Susanna continuava a guardarli facendo attenzione ad ogni suo passo su per il sentiero bagnato dalla pioggia della mattina. La bambina era partita a caccia di ragni – li scovava nel sottobosco tra le foglie e i rami marci – e, la cosa migliore da fare, era mettersi a carponi. Ne scovò uno bello grasso, con gli occhietti rossi, sotto una grossa foglia gialla macchiata da tanti puntini neri. Veloce catturò il ragno con il palmo della mano destra e si mise in ginocchio per meglio osservarlo. Per non farlo scappare afferrò una zampetta tra il pollice e l’indice della mano sinistra e piano piano poté riaprire il palmo della mano destra. Il ragno non poteva più scappare, e Susanna lo sollevò tirandolo per la zampetta. Il ragno era bello pesante, con l’addome peloso su cui figurava una perfetta croce bianca. Con l’indice e il pollice della mano destra Susanna afferrò un’altra zampetta del ragno e lo tenne sospeso in aria tra le due zampette. Susanna lo fissava bene in volto, musetto di ragno, e le parve di scorgere una espressione di paura. Piano piano incominciò a tirare le zampette. Percepì un leggero cedimento e una zampetta si staccò dal corpo; era la zampetta che teneva ferma tra il pollice e l’indice della mano destra. La zampetta staccata continuò a muoversi un pochetto, poi Susanna la lasciò cadere. Il ragno era molto agitato, ma fu subito afferrato ad un’altra zampetta. Susanna tirò di nuovo, con più forza questa volta, e di nuovo fu la zampetta tenuta ferma tra il pollice e l’indice della mano destra che si staccò. Lasciò cadere la seconda zampetta e afferrò veloce la terza. Tirò. Questa volta si staccò la zampetta tenuta ferma tra il pollice e l’indice della mano sinistra. Lasciò cadere la terza zampetta e afferrò veloce la quarta. Tirò e lasciò cadere la quarta zampetta. Afferrò, tirò, lasciò cadere la quinta zampetta, poi la sesta zampetta e poi lasciò cadere la settima. Al ragno era rimasto solo la zampetta numero otto, e questa si trovava tra il pollice e l’indice della mano sinistra di Susanna. Susanna adagiò il ragnetto sulla foglia gialla macchiata da tanti puntini neri, appoggiò leggermente l’indice della mano destra sull’addome peloso del ragno, e con un piccolo strappo staccò l’ultima zampetta. L’animaletto se ne stava fermo sulla foglia e non poteva più camminare. Susanna si dispose orizzontalmente a terra e abbassò un poco la faccia. Vide un paio di gambette molto corte che gli uscivano davanti dalla testa; sembravano piccoli baffi. Il ragnetto li muovevano febbrilmente, cercava di trascinarsi in avanti con quelli ma l’addome era troppo pesante e le gambette slittavano sulla superficie della foglia. Susanna si ricordò della torta di mele. Si alzò, schiacciò il ragno sotto uno degli stivali rossi e corse dalla nonna.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...