Il funerale di Francis

Irma e Jacob sedevano in prima fila, vicino alla bara chiusa. Di Francis rimaneva poco o niente. Sarebbe bastata una scatola di scarpe. Eppure la bara era grande e grossa. Come se Francis fosse ancora grande e grosso.
– Però morire in questo modo! – sussurrò Irma.
– È sempre stato uno che drammatizzava – disse Jacob.
– Hai parlato con Doris? – domandò poi Irma.
– No.
– Pensi che verrà?
– Verrà. Vedrai che verranno – disse Jacob e si guardò in giro.
La chiesa era semi vuota.
Un funerale cattolico. Forse sarebbe arrivata ancora qualcuno. Così sperava Jacob, e non capì perché lo stava sperando. A Francis non gliene poteva interessare di meno ora.
In fondo, pensò, anche lui drammatizzava.
– Doris non ha nessuna colpa – riprese Jacob – nessuno avrebbe potuto salvare Francis.
– Doris ha illuso Francis per troppo tempo – disse Irma.
– Francis sapeva che Doris non lo amava.
– Perché allora uccidersi?
– Proprio per questo; tu ami e soffri, perché vuoi essere amato da chi non ti ama. È sempre stato così.
Irma indossava un elegante vestito nero e teneva le gambe accavallate. La funzione sarebbe iniziata da lì a poco.
– Sai se Doris è andata a letto con Francis? – chiese Irma.
– No, non lo so. Comunque questo non significa niente.
– Certo che questo ha importanza!
– Francis ha fatto tutto da solo – disse Jacob – per lui Doris significava la vita. Che abbiano scopato o meno, è irrilevante.
– Ma Doris avrebbe dovuto capire che era innamorato pazzo di lei.
– Lo sapeva.
– Ma allora capisci che non avrebbero dovuto vedersi. E tanto meno scopare.
– Era Francis che insisteva di vederla; forse Francis voleva prendere il posto di suo marito – proseguì Jacob.
Irma accavallò ancora una volta le gambe e disse:
– E Doris glielo faceva sperare…
– Non è vero. Gli ha sempre detto che amava suo marito.
In chiesa giunsero Doris e suo marito. Si avvicinarono. Il marito si fermò a qualche passo dalla bara. Fece un cenno con la testa verso Irma e Jacob. Anche loro risposero con un lieve movimento della testa. Doris allungò e appoggiò una mano sulla bara. Chinò la testa e rimase lì ferma per un po’. Jacob le guardò il corpo, le lunghe gambe sotto il vestito nero. È sempre la solita storia, pensò Jacob.
– Tutti sanno che suo marito la tradisce e la picchia senza riguardi – sussurrò Irma – e lei andava farsi consolare da Francis.
Doris e il marito presero posto due o tre file dietro di loro. Il predicatore sarebbe entrato e avrebbe parlato di una vita migliore.
– Io non lo avrei mai permesso – disse Irma.
– Cosa? – chiese Jacob.
– Se sapessi che un uomo mi ama e io non ne sono innamorata mi allontanerei veloce da lui.
– E come la mettiamo tra noi?
– Ah, ma tra noi la storia è diversa.
– È la stessa storia. Io ti amo. Tu non mi ami.
– Ma io sono una puttana, Jacob.

Dopo la funzione, una decina di amici e conoscenti si trovarono sui gradini della chiesa. Non c’era nessuno della famiglia di Francis.
– Senti, io dovrei andare a lavorare – disse Irma a Jacob.
– Non accompagni Francis al cimitero?
– Lo sapevi che sarei dovuta scappare dopo la messa.
– Ho sperato che saresti rimasta.
– Beh, non posso.
Irma baciò Jacob, si congedò da Doris e dal marito di lei, scese i gradini e raggiunse la propria machina. Jacob aspettò, e rimase a guardare la macchina partire.
Doris si avvicinò allora a Jacob. Gli prese una mano. Jacob si sentì inondato e vinto dalla sua dolcezza calda e nera.
– Mi dispiace molto per Francis.
– Sì, era un caro amico.
– Sono ancora molto sconvolta per quello che è successo. Vorrei poterne parlare con te.
– Certo Doris. Passa da me quando vuoi.
– Lo farò.
Doris gli lasciò la mano e lo baciò su una guancia. Scese le scale della chiesa e raggiunse il marito alla machina. Salirono e partirono.
Luis pensò all’amico Francis. Aspettò. Salì in macchina anche lui. Pensò a Doris. Aspettò ancora. Poi, mise in moto il motore e seguì il carro funebre al cimitero.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...