Tic-Tic

Tic-tic, i secchi passi della donna risuonavano sotto la finestra di Helmut.
– Ma è possibile che ogni volta che senti quel rumore ti devi girare! – imprecò Beatrice.
– Hm – fece Helmut.
– Tic-tic – punzecchiò offesa Beatrice.
– Beatrice – disse Helmut.
– Che c’è?
Con fatica Helmut si alzò, e avanzò nudo davanti la finestra. Guardò di fuori:
– Beatrice, ogni volta che sento quel tic-tic sento dentro di me l’irresistibile stimolo di lasciare questo fottuto appartamento e squagliarmela lontano da te.
– Oh!
Beatrice si tirò su e si girò verso Helmut – ma dove vuoi andare con quelle chiappe flosce.
– Senti Beatrice – proseguì Helmut continuando a guardare fuori dalla finestra – porterò con me le mie chiappe molli, non posso farci niente ma almeno non mi toccherà più di dover ogni giorno sopportare le tue.
– Che villano che sei Helmut, ritorna a letto!
– Su quel letto le mie chiappe non le metto più Beatrice.
– Oh, adesso fa pure l’offeso, poverino.
Un tic-tic echeggiò di nuovo sulla strada.
– Helmut! Ritorna a letto!
– Beatrice ti lascio; cambio donna, vado a cercarmene un’altra…
– Ma senti questa, e chi ti vuole poi, Helmut!
– Saprai cavartela; meglio di me Beatrice.
– Quelle sono tutte puttane! non lo sai che più alto è il loro tacco, più basso è il loro quoziente d’intelligenza?
– Questo lo dite solo voi donne.
– È così Helmut; non andare a cacciarti in pasticci inutili.
– Per te sono solo un vecchio con le chiappe flosce.
– Proprio così Helmut, sei un vecchio con le chiappe che fanno schifo. – Beatrice si era messa a piangere, poi aggiunse piano: – ma io ti amo. Dovresti essermi riconoscente, perché voler cambiare ora? finiamo assieme i pochi anni che ci rimangono, siamo in età avanzata, fuori moda e, è così,
– Tu non mi hai mai amato, Beatrice.
– Ce la siamo cavata fino ad oggi.
– Forse abbiamo sbagliato Beatrice, ma ora è venuto il momento per me di sbagliare lontano da qui, fuori da questa prigione, me ne vado. Ho deciso.
– Tu devi continuare a vivere con me!
– L’ho fatto fino ad oggi.
– Non basta! Io mi sono data a te durante tutti questi anni e fin che vivrò tu dovrai starmi vicino.
– Sei già morta Beatrice,
– Forse sono morta ma neanche tu sei tanto vivo.
– È vero… scusami Beatrice.
– Che sarà di me! Helmut?
–Non ti amo abbastanza Beatrice… in ogni caso tu sei meno morta di quanto sono vivo, io, come ho detto: sarà più facile per te cavartela.
– Ma non ho fatto niente in vita mia Helmut, non so fare niente, non ho imparato niente, sono vecchia, come mi guadagnerò da vivere, nessuno mi vorrà! Helmut!
Tic-tic, tic-tic,

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...