Anche i non fumatori muoiono

Tirò ancora una volta sulla sigaretta e la buttò a terra e con la soletta della scarpa l’appiattì sul marciapiede. Il divieto di fumare nei luoghi pubblici lo aveva dapprima indignato, poi si adattò alla circostanza e immancabilmente prima di entrare in un locale il suo piede destro compiva lo stesso movimento circolare sopra l’avanzo di una sua sigaretta.
– Prendimi se ce la fai…
– Fermatevi, cristo!
Luigi afferrò il bimbo per il colletto: – Piantatela, venite qua, andiamo a bere qualcosa!
– Voglio un gelato!
– Non li fanno i gelati qui; prenderete una Coca-Cola!
– Uffa, io voglio rimanere a giocare.
– Dopo andiamo ai giardini… piantatela maledetti, vieni Federico!
Il bimbo alzò la sua mano ed afferrò quella del padre e fu all’istante tirato dentro il bar; la sorella si fermò a sedere sul bordo del marciapiede: – Voglio un gelato!
Federico tirò veloce la lingua di fuori: – Niente gelato, niente gelato!
– Angela, piantala! intimò il padre.
– Ma è Federico che mi tira la lingua!
Angela si alzò dalla strada e svogliatamente si diresse verso l’entrata del locale, scovò allora una margherita che era cresciuta improvvisa sul muro contiguo, la staccò e rimase lì per un po’, poi entrò nel bistrot anche lei.
Federico era seduto sulle ginocchia del padre e di nuovo tirò la lingua di fuori.
– Ecco, vedi, lo rifà!
– Angela, siediti!
Angela senza dire più una parola si mise a sedere al tavolo e non volle ordinare la sua Coca-Cola.
Poco dopo un cameriere portò il caffè di Luigi e la Coca-Cola con una cannuccia colorata per Federico.
– Niente gelato, niente gelato!
– Federico, smettila! Lascia tua sorella in pace. – Il padre sollevò Federico e lo sistemò sulla sedia di fianco.
A quel punto i tre rimasero in silenzio.
Angela guardava attraverso una finestra il traffico che scorreva rumoroso e la gente camminare su e giù sul marciapiede. Annusò poi una volta la sua margherita profumata. Luigi sfogliava il giornale del mattino; era come se stesse cercando qualcosa nel vuoto, poi aggiunse un cucchiaino di zucchero al suo caffè.
Federico sorseggiava dalla cannuccia la sua bibita. Dondolava i piedi sotto il tavolo. Poi prese la cannuccia dal bicchiere, la lasciò scivolare tra l’indice e il medio della mano destra e con un elegante gesto all’insù se la infilò a mo’ di sigaretta tra le labbra:
– Papi, guarda!
Fu allora che Luigi colpì il bambino in piena faccia; lo fece perché era arrabbiato, anche a costo di storpiarlo per tutta la vita: uno schiaffo violentissimo, fulmineo e accompagnato da una bestemmia che catapultò Federico a terra, facendolo cozzare contro uno scalino di cemento uccidendolo sul colpo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...